Google+ Scienze di Confine: Mistero: Le pietre della Valle della Morte

Cerca nel blog

SELECTION YOUR LANGUAGE

Mistero: Le pietre della Valle della Morte


Il mistero delle pietre di Racetrack Playa






Presso Racetrack Playa nella Death Valley, in California dal 1940, i ricercatori hanno documentato percorsi formati dalle rocce sia su questo terreno sia su diversi altri terreni in California e Nevada. Diciassette studenti universitari e laureati dal Lunar and Planetary Sciences Academy (LPSA) della NASA Goddard Space Flight Center di Greenbelt, nel Maryland, hanno studiato come queste rocce si muovono attraverso gli spazi desertici vuoti. 

Parliamo di una regione particolarmente arida, rocce grandi e piccoli scivolano attraverso il paesaggio, lasciando dietro di sé un groviglio di sentieri e di tracce. Alcune rocce viaggiano in coppia, loro due piste così perfettamente in sintonia lungo rettilinei e  curve che sembrano essere fatte da una macchina. Altri vanno a ruota libera, vagando avanti e indietro da soli e, a volte percorrendo la lunghezza di diversi campi di calcio. In molti casi, i sentieri conducono direttamente alle rocce a riposo , ma in altri, le rocce  sono scomparse. 

Alcune rocce sono molto pensati e riescono a spostarsi per centinaia di metri. Ma nessuno ha effettivamente visto una roccia in movimento, e gli scienziati non hanno dedotto esattamente come succede. La semplice spiegazione dell’aiuto di animali, la gravità, o terremoti, sono stati rapidamente esclusi, lasciando spazio per un sacco di studii e di speculazioni irresistibili nel corso degli anni. 



Per ogni roccia e percorso, gli studenti hanno registrato coordinate GPS e scattato foto. Hanno scavato piccoli sensori chiamati Hygrochrons che erano stati sepolti (con il permesso richiesto del National Park Service) tre mesi prima da Gunther Kletetschka, uno dei leader del viaggio. I tirocinanti catturati i dati di temperatura e umidità li hanno memorizzati elettronicamente. Hanno segnato i confini delle piste inserendo simboli colorati nelle crepe nella creta e misurando la lunghezza, la profondità e la larghezza di ogni traccia. Hanno confermato le osservazioni precedenti che alcune delle grandi rocce si sono spostate più lontane di quelle piccole. 

Gli stagisti hanno anche trovato piccoli tumuli alle estremità di alcuni sentieri. Ipotizzano questi sono stati formati quando le rocce dopo aver arato si sono trasformate in argilla in piccoli cumuli. Abbastanza sconcertante erano i tumuli alle estremità dei sentieri che non avevano rocce. 


Gli studenti hanno controllato i campi magnetici insoliti o mutevoli, non rilevando alcuna prova. Uno studente ha effettuato misure di radiazione. (Nulla di strano nemmeno lì.) Hanno tirato fuori le livelle per determinare se le rocce potrebbero essere in movimento lungo i sentieri inclinati dovuti magari ad una leggera pendenza non evidente in spazi così ampi e uniformi. Invece dai dati risulta che "la tendenza generale è che si muovono in salita", come riportato da Andrew Ryan di Slippery Rock University di Slippery Rock, Penn., In un discorso che il gruppo LPSA ha dato seguito a Goddard. «Ma la pendenza è così insignificante che non pensiamo che potrebbe influenzare questo movimento." 

È necessario l’insieme dei dati, perché "ciò che sta accadendo sul Racetrack Playa è sottile e complicato. Non è evidente fin da subito che i dati anche piccoli sono importanti”, dice Brian Jackson, uno dei leader del viaggio. Lui e un collega hanno studiato Racetrack Playa dal 2006 e recentemente pubblicato un documento confrontando il sito ad un letto di un lago asciutto sulla luna di Saturno Titano. 


Le rocce non sono particolari, anzi sono di origine dolomitica e cadono dalla montagna.

Alcune delle rocce che si muovono pesano meno di un chilo, ma molti sono 25-30 chili. Una delle più grandi, di nome Karen, è stata stimata di circa 700 libbre. Una forza potente è necessario per spostare le rocce grandi, e il candidato più ovvio e forte è il vento. “E’ sorprendente quando si vede quanto grande alcuni di questi massi sono", dice Ryan. "Tu pensi, 'Come può qualcosa di così grande muoversi in giro?'" 
Servirebbe una velocità del vento di 150 miglia all'ora o più probabilmente per spostare le rocce. Le velocità del vento che sfiorano la superficie della playa sono molto veloci, ma non così veloci, così gli studi più recenti tendono a chiedere come l'attrito tra le rocce e l'argilla può essere ridotta. 
.
Gli investigatori hanno pensato per anni che l'attrito è alquanto ridotto quando la superficie della playa si bagna e lo strato superiore di argilla trasforma in una pellicola liscia di fango. Le alghe possono rimanere inerti in argilla secca e fiorire quando le bagna di superficie, riducendo ulteriormente la quantità di attrito. Gli studenti hanno eseguito esperimenti inerenti all’assorbimento dell’acqua ed alla diminuzione dell’attrito. Ma i dati anche così non giustificano i movimenti delle pietre.

L'aiuto viene probabilmente sotto forma di ghiaccio in questo deserto, l'inverno porta la neve sulle montagne. L’ipotesi finale è che il ghiaccio che si forma sulle montagne favorisce lo spostamento delle rocce, diminuendo ulteriormente l’attrito e favorendo al suo scioglimento lo spostamento grazie all’acqua. 

Rimangono comunque molti dubbi su come realmente si muovono le rocce attraverso il letto del fiume, in quanto alcune di queste con pesi praticamente identici si muovono per percorsi tre volte le altre di pari peso, oppure molte di queste rocce scompaiono lungo i percorsi senza lasciare traccia.

Sono tutti misteri risolvibili a chi di voi segue il mio consiglio…

Open your mind.